Stefanetti (Fratelli d’Italia): “Si intitoli il Reparto Prevenzione Crimine di San Severo ai fratelli Luciani, vittime di mafia”

Fratelli d’Italia: “Tari alle stelle, tra assenze e strategie, Metta si salva per ora. Ma Cerignola no”
31 luglio 2018
La Salandra (Fratelli d’Italia): “Ad Atreju con una proposta a sostegno della nostra agricoltura”
17 settembre 2018

SAN SEVERO – “Si intitoli il Reparto Prevenzione Crimine alla memoria dei fratelli Aurelio e Luigi Luciani, vittime della mafia”. Il capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia di San Severo, Francesco Stefanetti, ha protocollato questa mattina la richiesta al sindaco Francesco Miglio, ad un anno esatto dall’agguato in cui per errore persero la vita 2 agricoltori di San Marco in Lamis.

Il consigliere del partito di Giorgia Meloni chiede adesso che la sede sanseverese del Reparto Prevenzione Crimine della provincia di Foggia, oggi denominato genericamente “Puglia settentrionale”, porti il nome delle ultime 2 vittime del 2017, “un anno – ricorda il responsabile di Fdi San Severo, Davide Trivento – già segnato fino a quel momento da 13 omicidi nei 7 mesi precedenti, con almeno 2 casi di lupara bianca”. Numeri impressionanti per una Capitanata che non può dimenticare, a maggior ragione perché quel sangue portò all’ottenimento di “una maggiore presenza di Forze dell’Ordine sul territorio – come ricorda lo stesso consigliere di Fratelli d’Italia – , a tutela e controllo della comunità di Capitanata”.

La richiesta di Stefanetti è indirizzata oggi per conoscenza al prefetto Massimo Mariani ed al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, e, chiaramente, al sindaco Miglio, che è anche presidente della Provincia di Foggia. “Un territorio che da anni avrebbe meritato presidi importanti – conclude Stefanetti – ha dovuto aspettare la mattanza mafiosa che ha visto travolgere i fratelli Luciani e che ha destato clamore mediatico, prima di vedere riconosciuto un sacrosanto diritto ed un’esigenza vitale per l’intera comunità provinciale”. “Ricordare i fratelli Luciani – aggiunge Antonella Zuppa, del Dipartimento Tutela vittime di Fdi – è un dovere morale di tutta la Capitanata”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *